Questa pagina web contiene cookies, al fine di tracciare il funzionamento e l'utilizzo del sito. Ogni operazione di trasferimento
e trattamento da noi condotta avverrà in conformità all'Informativa sulla privacy e dei cookies indicata nella sezione “Privacy”.
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso
(ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.
Autorizzi l'archiviazione delle informazioni nel tuo pc, ai sensi dell'art. 122 D.lgs 196/2003 così come modificato dal D.lgs 69/2012?

    Accetto     Maggiori informazioni

Incontinenza urinaria e riabilitazione del pavimento pelvico

Il pavimento pelvico è organo di estrema importanza per il sostegno e la sospensione dei visceri pelvici (utero, vescica, retto-ano), per la continenza urinaria e anale, il parto e la funzione sessuale.
Esistono innumerevoli problematiche e sintomi che nascono dallo squilibrio di questo complesso sistema.

Chi beneficia della riabilitazione del Pavimento Pelvico?

Tutti coloro, donne e uomini, che presentano in parte, o in tutto, i seguenti sintomi:

  • Perdita involontaria di urina
  • Urgenza ad urinare
  • Necessità di urinare spesso (più di 8 volte nelle 24 ore), in assenza di infezioni urinarie
  • Difficoltà a svuotare completamente la vescica
  • Perdita involontaria di gas e/o feci
  • Urgenza e/o difficoltà alla defecazione
  • Dolore anale e/o perineale

Nelle donne poi, alcuni altri sintomi possono essere presenti, come:

  • Senso di peso dovuto alla presenza di prolassi
  • Dolore e disfunzioni post-partum causate da lacerazioni o episiotomie
  • Dolore e diminuzione della percezione sessuale

Come si svolge?

La terapia riabilitativa nei casi di incontinenza urinaria offre buoni risultati, determinando un sensibile miglioramento della qualità della vita dei pazienti.

La riabilitazione si svolge in alcune tappe che possiamo riassumere in:

  1. Valutazione clinica e presa di coscienza da parte del/della paziente delle specifiche funzioni pavimento pelvico
  2. Rinforzo selettivo della muscolatura del perineo, mediante esercizi mirati e tecniche di rieducazione motoria manuali e strumentali (biofeedback ed elettrostimolazione funzionale)
  3. Correzione osteopatica delle disfunzioni articolari spesso associate all'insufficienza urinaria come a esempio dolore lombare, sacrale e dorsale e delle disfunzioni di bacino
  4. Correzione dei difetti posturali che possono influenzare il pavimento pelvico

La durata del percorso riabilitativo varia in genere da poche sedute ad un ciclo in relazione al problema da trattare e alla risposta dei singoli pazienti.