Questa pagina web contiene cookies, al fine di tracciare il funzionamento e l'utilizzo del sito. Ogni operazione di trasferimento
e trattamento da noi condotta avverrà in conformità all'Informativa sulla privacy e dei cookies indicata nella sezione “Privacy”.
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso
(ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.
Autorizzi l'archiviazione delle informazioni nel tuo pc, ai sensi dell'art. 122 D.lgs 196/2003 così come modificato dal D.lgs 69/2012?

    Accetto     Maggiori informazioni

Riabilitazione posturale globale

Metodo Mézières

Da alcuni anni si pone molta attenzione agli aspetti posturali come causa di limitazioni articolari e soprattutto di dolori alla colonna vertebrale, cervicale, dorsale e soprattutto lombare. Tale interesse deriva dalla constatazione che l’uomo moderno conduce una vita spesso sedentaria adottando posizioni che nel tempo possono determinare alterazioni delle lunghezze muscolari e modificazioni articolari che stanno frequentemente alla base delle problematiche di colonna.

In particolare è molto comune osservare persone con retrazione dei muscoli della cosiddetta “catena muscolare posteriore” che comprende indicativamente i muscoli della nuca, della schiena, i glutei, i muscoli posteriori della coscia e della gamba. Tale accorciamento può influire negativamente sulla colonna, sul bacino e più in generale sulla postura complessiva.

Un secondo aspetto di grande rilievo è la respirazione. Molto spesso le persone respirano male utilizzando in modo inappropriato i muscoli respiratori. Ad esempio privilegiando una respirazione diaframmatica a scapito di quella toracica, o viceversa, oppure sincronizzando male l’atto respiratorio. Tutte queste disfunzioni si riverberano, a lungo andare anche sulla funzionalità della colonna essendo tutti i muscoli respiratori collegati direttamente ad essa. Respirare bene è quindi fondamentale sia per ossigenare meglio il sangue, ma anche per mantenere una colonna efficiente.

L’approccio riabilitativo posturale inizia sempre con un’attenta valutazione dello stato fisico della persona al momento della visita, ma anche con la ricerca delle situazioni che nel passato possano aver determinato alterazioni o problemi.  Grande attenzione viene posta alla conformazione delle articolazioni e dei segmenti ossei iniziando dai piedi per proseguire con ginocchia , bacino, colonna e capo.  Dopo questa fase che occupa interamente la prima visita, si passa alla fase riabilitativa che ha come obiettivo il recupero delle lunghezze muscolari ottimali e con questo l’attenuazione o, scomparsa, delle disfunzioni e deformità e, soprattutto, del dolore.

In Dinamica Bicocca per la riabilitazione posturale viene seguito e praticato il Metodo Mezierès. Ove ritenuto necessario il terapista utilizzerà anche altre metodiche come la Postural Bench (panca riabilitativa posturale), o esercizi specifici di Back School e Core Stability.

Chi può beneficiare della Riabilitazione Posturale?

Non vi sono specifiche controindicazioni. Tutti possono affrontare e beneficiare di questo tipo di trattamento, bambini, adulti e anziani. Naturalmente il tipo di esercizio e l’intensità e gradualità degli stessi varieranno da paziente a paziente in funzione soprattutto delle singole problematiche. Non sarà mai un approccio riabilitativo fisso e codificato, ma sempre adattato alle singole esigenze pur all’interno di un percorso codificato.

Come si svolge la seduta riabilitativa?

Ogni seduta riabilitativa dura circa 60 minuti e consiste nell’assunzione da parte del paziente di specifiche posizioni o “posture di base”, ad esempio postura supina, postura seduta e  in piedi, che consentono al paziente di allungare le catene muscolari accorciate controllando i vari compensi (modificazioni involontarie della postura base) che queste posizioni tendono a indurre. Le sedute hanno generalmente una frequenza settimanale.